Il cateterismo intermittente ti offre un controllo


 

Indipendentemente dalla gravità, i disturbi vescicali possono rendere difficile vivere liberamente la vita quotidiana. Il cateterismo può essere d'aiuto in moltissimi modi.

Utilizzare un catetere intermittente consente di svuotare la vescica in diverse occasioni nel corso della giornata, come avviene con la minzione naturale. Questo significa che sarà possibile seguire una routine normale, il che è molto più importante di quanto possa sembrare. Con un buon catetere monouso, sarai in grado di cateterizzarti in modo rapido, comodo e semplice. Lo saprai soltanto tu.

Il cateterismo consente inoltre di svuotare completamente la vescica, per ridurre il rischio di perdite. Molte persone affette da problemi alla vescica sono preoccupate dalla possibilità di perdite e dal problema dell'odore. Parte della soluzione può essere rappresentata dall'autocateterismo. È inutile dire che lo svuotamento completo della vescica è meglio per il paziente anche dal punto di vista medico.

Uno svuotamento serale incompleto della vescica è una causa diffusa dei disturbi del sonno. L'utilizzo del catetere ti consentirà di svuotare completamente la vescica ogni sera, prima di andare a letto, risolvendo il problema dei risvegli notturni per andare in bagno.

Un'altra sfera della vita nella quale i cateteri monouso possono avere un impatto positivo è la sessualità. Il semplice fatto di risolvere il problema urinario rende possibile una migliore funzionalità sessuale, migliorando inoltre lo stato d'animo. Utilizzare un catetere monouso significa inoltre eliminare la presenza di dispositivi permanenti, che possono creare imbarazzo oppure essere d'intralcio.



Che cosa è l’auto-cateterismo intermittente (ISC)

L’auto-cateterismo intermittente (ISC: Intermittent Self Catheterisation)comporta l’introduzione periodica nella vescica di un sottile tubo, chiamato catetere, per consentire il deflusso completo dell’urina. Così facendo, la vescica riesce a svuotarsi completamente quando occorre. Una volta svuotata dall’urina è possibile rimuovere il catetere. L’auto-cateterismo intermittente non è una novità. Alcuni dati suggeriscono che i cateteri sono stati utilizzati da molti popoli, inclusi gli antichi Romani e gli Egizi. Oggi l’ISC è la tecnica preferita nei casi di svuotamento incompleto della vescica.

Come cambierà la mia vita?

L’ISC eseguito con il catetere adeguato è il secondo modo per urinare, dopo la minzione naturale. Una volta acquisita l’abitudine, l’ISC non vi impedirà di condurre una vita normale. L’unica differenza è che utilizzerete un catetere per svuotare la vescica. l’ISC consente di condurre una vita normale. Molti utilizzatori ci raccontano che, grazie all’ISC, hanno riacquistato la propria libertà, che non sono più schiavi dei problemi vescicali e che sentono di aver riguadagnato il controllo. Concordano nell’affermare di aver avuto paura, inizialmente, ma che la costanza ha dato velocemente i risultati sperati.

Come posso conciliare l’ISC con i miei impegni quotidiani?

Il segreto consiste nel crearsi una routine che consenta di inserire agevolmente l’ISC nella propria vita quotidiana. Cercate di trovare situazioni e orari in cui sia pratico eseguire l’ISC, per esempio durante la pausa caffè o prima di pranzo. Questo vi consentirà di gestire la situazione senza interferire con il vostro lavoro, con lo studio o con altre attività. Se possibile, conservate qualche catetere di riserva nei luoghi che frequentate più spesso, per esempio sul lavoro, a casa di amici, nella casa delle vacanze o dai parenti.

Come reagirà la gente?

L’uso del catetere non è evidente. Se non desiderate parlarne, nessuno se ne accorgerà. Tuttavia potrebbe essere utile discuterne con qualcuno con cui si ha confidenza, per esempio genitori o parenti. In alcune circostanze potreste avere bisogno di assistenza.

Cosa accade se non eseguo il cateterismo intermittente con la frequenza

Se per una volta o due non eseguite il cateterismo non dovete preoccuparvi. Fate in modo tuttavia che questa dimenticanza non si verifichi frequentemente poiché può provocare infezioni del tratto urinario e perdite urinarie. Se la pressione interna della vescica diventa eccessiva, esiste il rischio che l’urina risalga fino ai reni danneggiandoli gravemente.

È difficile da eseguire?

Anche se all’inizio l’auto-cateterismo può sembrare una procedura complicata, la maggior parte delle persone apprende la tecnica senza difficoltà. Quasi tutti possono eseguirla. Maneggiare da soli un catetere è possibile a partire da circa 5 anni di età. Molte persone con problemi di mobilità limitata o scarsa manualità eseguono regolarmente l’ISC. Con un po’ di pratica lo svuotamento della vescica mediante ISC richiederà solo qualche minuto. Prima di abituarsi e trovare la presa corretta, la manovra potrà sembrare un po’ laboriosa, ma la person che vi insegnerà l’ISC saprà aiutarvi ad apprendere la tecnica corretta e risolverà qualsiasi vostro dubbio. Presto troverete la vostra modalità e la posizione che meglio vi si addice. In men che non si dica diventerà un’operazione semplice e naturale.

È doloroso?

Se utilizzate il tipo di catetere corretto e seguite le informazioni fornitevi da chi vi ha insegnato la tecnica dell’ISC, avvertirete con ogni probabilità una certa pressione ma nessun dolore intenso. Durante la fase dell’apprendimento dell’ISC, in alcune persone l’uretra subisce una sensibilizzazione. Questa fase dovrebbe passare con il tempo, ma se la sensazione di fastidio dovesse essere troppo intensa rivolgetevi al medico o ad un infermiere. È possibile che avvertiate una sensazione di pressione quando il catetere supera lo sfintere e, negli uomini, quando attraversa la prostata. Non preoccupatevi: è del tutto normale. Respirare profondamente o tossire un paio di volte vi aiuterà a rilassare lo sfintere.

È rischiosa per gli organi interni?

Se scegliete il tipo di catetere giusto per voi e seguite attentamente le istruzioni fornite da chi vi ha insegnato ad effettuare l’ISC, la pratica del cateterismo non è dannosa né per la vescica né per l’uretra, neanche se si protrae nel tempo.

L’ISC influirà sulla mia vita sessuale?

L’ISC dovrebbe influire positivamente sulla vostra vita sessuale. Sarete in grado infatti di portare avanti una relazione intima senza imbarazzanti perdite urinarie o disagio.

Per quanto tempo dovrò usare il catetere?

La durata dipende dalla vostra condizione specifica. Potreste aver bisogno dell’ISC per un breve periodo in seguito a un intervento chirurgico o ad una lesione, per consentire alla vescica di riacquistare la propria funzionalità, oppure in maniera permanente a causa di una lesione del midollo spinale. Qualunque sia la ragione, l’ISC vi aiuterà a gestire e a migliorare la salute della vescica.

Quante volte al giorno devo eseguire l’ISC?

La frequenza dell’ISC varia da persona a persona e sarà definita nel momento in cui vi sarà insegnata la tecnica. Dipende dalla quantità di urina che espellete ogni volta o dalla quantità di urina che drenerete per mezzo del catetere (o da entrambi i fattori). La frequenza del cateterismo può essere influenzata anche dal problema specifico di cui soffrite e dagli eventuali farmaci che assumete. Di norma, la vescica non deve mai contenere più di 350-400 ml. Inizialmente chi vi insegna l’ISC potrà chiedervi di tenere un diario minzionale e vi spiegherà come.

Contattaci

Direct Service


directService

 

Puoi richiedere un campione gratuito compilando il Form di richiesta

 

Contatta il tuo operatore sanitario. È necessaria la prescrizione del catetere da parte del tuo medico.

 
 

049